Le patologie ortopediche del levriero

Le patologie ortopediche congenite o dello sviluppo descritte sono comunque rare e sono:

  • malformazione tarso-metatarsica (rotazione del metatarso), patologia congenita solitamente bilaterale caratterizzata da anomalie morfologiche del tarso che possono condurre a rotazione verso l’esterno del piede e predisporre ad artrosi precoce dell’articolazione.
  • sindrome iperflessoria del carpo, malattia che colpisce i cuccioli e che causa una deviazione dei carpi verso l’esterno, ha generalmente un decorso breve e una prognosi favorevole.

Le patologie ortopediche seguenti invece sono legate al tipo di attività svolta dai nostri levrieri prima di venire adottati:

  • malattia di Sever, un’infiammazione del tallone che si verifica raramente in cani in accrescimento.
  • frattura dell’osso radiale del carpo
  • fratture del garretto, spesso si tratta di fratture da stress, dovute ai pesanti carichi di allenamento a cui vengono sottoposti e che causano variazioni della densità ossea con conseguente fragilità di alcune zone dell’osso.
  • stiramenti e strappi muscolari, frequenti in levrieri che, dopo la cessazione dell’attività agonistica, eseguono sforzi eccessivi senza un adeguato riscaldamento delle grandi masse muscolari, oppure come recidive di infortuni precedenti.
  • crampi, sopratutto nei mesi freddi.

Altre patologie legate all’invecchiamento o idiopatiche:

  • sindrome della cauda equina (stenosi lombosacrale), patologia degenerativa articolare causata da instabilità lombosacrale con progressiva artrosi del tratto interessato, compressione e degenerazione dell’insorgenza dei nervi della parte posteriore del corpo (denominata cauda equina), causa dolore e deficit neurologici a carico degli arti e e degli organi addominali caudali, quali vescica e intestino retto che possono sfociare in trascinamento degli arti, difficoltà di deambulazione, incontinenza urinaria e fecale.
  • poliartrite erosiva, patologia autoimmune descritta nei levrieri spagnoli e nei greyhound dai 3 ai 30 mesi d’età che colpisce soprattutto le articolazioni interfalangee e altre articolazioni distali.

Un’altra possibile causa di zoppia nei levrieri sebbene non si tratti di una patologia ortopedica è l’osteosarcoma che colpisce sopratutto, ma non solo, le ossa lunghe degli arti e che è sempre causa di dolore quando presente.

È il tumore più frequente nei levrieri per i quali rappresenta più del 20% delle cause di morte.

Per questo motivo è importante in caso di dolore a carico degli arti o tumefazioni sospette sottoporre ad esame radiografico la regione interessata.

SOS Levrieri Onlus precisa che i contenuti inerenti la salute del Levriero presenti nel sito Internet, sono da intendersi semplicemente come consigli o suggerimenti dettati dall’esperienza e considerarli quindi come tali. Le indicazioni riportate pertanto non vogliono e non devono in nessun modo sostituirsi a diagnosi, terapie mediche o farmacologiche che rimangono di esclusiva pertinenza del medico veterinario. Solo quest’ultimo, quindi, rimane l’unico soggetto competente deputato a formulare diagnosi, prescrivere farmaci e indicare terapie. Per questi motivi SOS Levrieri Onlus non si ritiene responsabile per qualsiasi comportamento o pratica derivante o connessa a detti consigli e che in qualsiasi caso, come sottolineato, è necessario consultare il medico veterinario.