Cosa fare in caso di avvelenamento di un Levriero

Avvelenamento dei Levrieri

Bisogna ricordarsi che i veleni più moderni si attivano e causano i problemi di coagulazione anche fino a parecchi giorni dopo l’ingestione, rendendo difficile la diagnosi immediata se non si avverte il veterinario del posizionamento di esche rodenticide avvenuto anche molto tempo prima.

Insetticidi, fertilizzanti e lumachicidi

Sostanze per il giardino

Veleni per topi (anticoagulanti)

Il veleno può essere ingerito direttamente o con il consumo di un roditore che ha a sua volta ha ingerito il veleno. Attenzione al posizionamento di esche per i roditori in zone dove vivono cani, prima o poi le esche vengono scovate e ingerite.

Piante velenose

Molte piante vive o essiccate sono tossiche. Anche alcuni prodotti alimentari, come le cipolle fresche o essiccate, possono causare problemi negli animali da compagnia. Cercate di stabilire se le piante a cui gli animali hanno accesso o che avete intenzione di comprare sono velenose.

Piccoli oggetti contenenti zinco

Se ingeriti possono causare vomito, anemia e persino la morte.

Il cioccolato è tossico per i nostri Levrieri

Sono sufficienti circa 30 grammi di cioccolato amaro per uccidere un cane di piccole dimensioni. Il cioccolato al latte è meno tossico e se ingerito in piccole quantità non vi è alcun motivo di allarme. Se però il cane ha occasione di ingerirne quantità rilevanti può ugualmente avvelenarsi.

Antigelo glicole propilenico

Ha un sapore dolciastro che piace molto a cani e gatti, che possono leccarlo da terra. È sufficiente la dose di un cucchiaino per causare danni renali irreversibili e la morte.

Farmaci

Alcuni farmaci che sono sicuri per noi sono tossici negli animali. Ad esempio l’ibuprofene può causare danni renali o ulcere gastriche nei cani. Non somministrate mai alcun farmaco agli animali senza aver consultato il veterinario ed evitate di lasciare in giro le vostre medicine.

Antiparassitari

Alcuni antiparassitari di vecchio tipo (organofosfati, carbammati) se usati in modo improprio (in concentrazione o quantità eccessive, o impiegato su soggetti debilitati) possono essere tossici.

In sintesi per il bene dei nostri amati Levrieri è necessario fare molta attenzione a:

  • Insetticidi, fertilizzanti e lumachicidi
  • Veleni per topi (anticoagulanti)
  • Piante velenose
  • Piccoli oggetti contenenti zinco
  • Tossicità del cioccolato
  • Antigelo glicole propilenico
  • Tossicità dei farmaci
  • Antiparassitari

Salute

Cosa fare quando una vipera morde un cane

Pulci e zecche nei Levrieri

Colpo di calore – Ipertermia in un Levriero

Dilatazione – torsione gastrica nei Levrieri

Shock anafilattico nei Levrieri

Patologie ortopediche del Levriero

Parassiti intestinali nei Levrieri

Otite esterna nei Levrieri

Cosa fare per proteggere il Levriero dalla Leishmaniosi

L‘importanza dell’igiene orale in un Levriero

Giardia nel Levriero

Forasacchi nel Levriero

Filariosi nel Levriero

Dermatologia nel Levriero

Cura del pelo e muta nei Levrieri

Corn nei cani di razza Greyhound

Cosa fare in caso di avvelenamento di un Levriero

Valutazione dei valori ematici nei Levrieri

Farmaci sedativi o anestetici per i Levrieri

Agopuntura utilizzata anche in veterinaria

Alimentazione

Alimenti da non dare mai ai nostri Levrieri

Integratori naturali per il benessere del Levriero

Come alimentare il Levriero in modo sano e corretto

Socializzazione

Schemi comunicativi nel Levriero

Levrieri e bambini

Lavorare sulla calma con un Levriero

Inserimento di un Levriero in famiglia

Inserimento di un Levriero in una casa con presenza di gatti

Eliminazioni inappropriate nei Levrieri

Approccio con un Levriero timoroso

Approccio generico al Levriero estraneo

Approccio con un Levriero eccitato

Approccio corretto al Levriero

Ansia da separazione per chi adotta un Levriero

SOS Levrieri Onlus precisa che i contenuti inerenti la salute del Levriero presenti nel sito Internet, sono da intendersi semplicemente come consigli o suggerimenti dettati dall’esperienza e considerarli quindi come tali. Le indicazioni riportate pertanto non vogliono e non devono in nessun modo sostituirsi a diagnosi, terapie mediche o farmacologiche che rimangono di esclusiva pertinenza del medico veterinario. Solo quest’ultimo, quindi, rimane l’unico soggetto competente deputato a formulare diagnosi, prescrivere farmaci e indicare terapie. Per questi motivi SOS Levrieri Onlus non si ritiene responsabile per qualsiasi comportamento o pratica derivante o connessa a detti consigli e che in qualsiasi caso, come sottolineato, è necessario consultare il medico veterinario.