Giardia nel Levriero

Sintomi

Sia nell’uomo che nel Levriero il sintomo principale è la diarrea più o meno intermittente, con dolori addominali, flatulenza, malassorbimento intestinale e, nei casi più gravi, febbre e vomito; nei casi cronici, anemia, steatorrea (presenza di grasso nelle feci), dimagrimento.

Diagnosi

Fino a poco tempo fa la diagnosi era microscopica tramite una particolare colorazione che ha però permesso, visto la poca frequenza con cui veniva effettuata, la diffusione massiva del parassita. Da qualche anno è disponibile un test rapido che ricerca gli antigeni del parassita nelle feci ed è considerato un metodo diagnostico molto più sensibile dell’esame coprologico. Numerosi studi indicano negli ultimi anni una vera e propria esplosione della malattia con una positività al test che varia a seconda delle fonti tra il 10 e il 30% dei cani testati, sintomatici e asintomatici.

Terapia

In commercio sono disponibili tre principi attivi

  • metronidazolo
  • fenbendazolo
  • febantel

che vanno somministrati quotidianamente per 5-7 giorni consecutivi. Visto il pericolo di reinfezione e la possibilità di avere dei falsi negativi con la malattia in incubazione è necessario seguire il seguente schema terapeutico-diagnostico:

terapia per 5-7 giorni dopo 7 giorni dalla sospensione della terapia si effettua un primo test di controllo.

Se l’esito è negativo si effettua un secondo test di controllo dopo altri 7 giorni. Se l’esito è di nuovo negativo si può considerare il Levriero guarito, tenendo però conto della possibile infestazione ambientale, che potrebbe consentire una reinfezione in tempi successivi, da qui la necessità di ripetere tutto il protocollo diagnostico terapeutico in caso di sospetto. Nel caso uno dei due test di controllo risultasse positivo è necessario riprendere tutto il protocollo dall’inizio, eventualmente cambiando il principio attivo utilizzato, ripetendo la terapia e i test di controllo rispettando i tempi indicati. In pratica sono necessari due test negativi consecutivi, effettuando il primo dopo 7 giorni dalla fine della terapia e il secondo dopo 7 giorni dal primo. Ciò vale anche per altre malattie parassitarie intestinali.

Disinfestazione ambientale

Per la disinfestazione ambientale, in presenza di un Levriero infestato e di altri soggetti a rischio, si possono utilizzare sali quaternari di ammonio e candeggina 1%, citando solo i prodotti di uso più pratico e sicuro per cani e proprietari. I disinfettanti a base di sali quaternari d’ammonio come il BIALCOL possono essere utilizzati anche per disinfettare la regione perianale dopo ogni defecazione per diminuire il rischi di trasmissione da cane a cane e da cane a uomo.

Salute

Cosa fare quando una vipera morde un cane

Pulci e zecche nei Levrieri

Colpo di calore – Ipertermia in un Levriero

Dilatazione – torsione gastrica nei Levrieri

Shock anafilattico nei Levrieri

Patologie ortopediche del Levriero

Parassiti intestinali nei Levrieri

Otite esterna nei Levrieri

Cosa fare per proteggere il Levriero dalla Leishmaniosi

L‘importanza dell’igiene orale in un Levriero

Giardia nel Levriero

Forasacchi nel Levriero

Filariosi nel Levriero

Dermatologia nel Levriero

Cura del pelo e muta nei Levrieri

Corn nei cani di razza Greyhound

Cosa fare in caso di avvelenamento di un Levriero

Valutazione dei valori ematici nei Levrieri

Farmaci sedativi o anestetici per i Levrieri

Agopuntura utilizzata anche in veterinaria

Alimentazione

Alimenti da non dare mai ai nostri Levrieri

Integratori naturali per il benessere del Levriero

Come alimentare il Levriero in modo sano e corretto

Socializzazione

Schemi comunicativi nel Levriero

Levrieri e bambini

Lavorare sulla calma con un Levriero

Inserimento di un Levriero in famiglia

Inserimento di un Levriero in una casa con presenza di gatti

Eliminazioni inappropriate nei Levrieri

Approccio con un Levriero timoroso

Approccio generico al Levriero estraneo

Approccio con un Levriero eccitato

Approccio corretto al Levriero

Ansia da separazione per chi adotta un Levriero

SOS Levrieri Onlus precisa che i contenuti inerenti la salute del Levriero presenti nel sito Internet, sono da intendersi semplicemente come consigli o suggerimenti dettati dall’esperienza e considerarli quindi come tali. Le indicazioni riportate pertanto non vogliono e non devono in nessun modo sostituirsi a diagnosi, terapie mediche o farmacologiche che rimangono di esclusiva pertinenza del medico veterinario. Solo quest’ultimo, quindi, rimane l’unico soggetto competente deputato a formulare diagnosi, prescrivere farmaci e indicare terapie. Per questi motivi SOS Levrieri Onlus non si ritiene responsabile per qualsiasi comportamento o pratica derivante o connessa a detti consigli e che in qualsiasi caso, come sottolineato, è necessario consultare il medico veterinario.