Valutazione dei valori ematici nei Levrieri

A differenza dei Greyhound, i Levrieri spagnoli non mostrano macrocitosi (globuli rossi più grandi) e una meno frequentemente valori di globuli bianchi e neutrofili più bassi rispetto alle altre razze mantenendo le altre caratteristiche citate per i Greyhound (Couto, 2010).

Una diminuzione delle piastrine può essere causata anche da diverse malattie infettive per le quali, soprattutto in presenza di sintomi compatibili, sarebbe bene effettuare test diagnostici per confermare che la piastrinopenia sia fisiologica.

In studi precedenti si ipotizzava che l’aumento dell’ematocrito e il minor numero di piastrine fosse dovuto ad una sorta di competizione cellulare a livello di midollo osseo tra cellule all’inizio della catena produttiva delle diverse cellule del sangue, altri attribuivano l’alto ematocrito ad una semplice caratteristica di razza, nello studio del prof. Couto del 2010 si ipotizza invece che l’ematocrito più alto sia dovuto ad una più alta affinità dell’emoglobina per l’ossigeno che conduce ad un’eritrocitosi compensatoria.

Per questo è possibile considerare anemico un Levriero che abbia un ematocrito vicino al 40% nonostante sia ampiamente dentro il range di normalità per la specie canina, soprattutto se ritirato dalle corse da breve tempo, in quanto l’ematocrito potrebbe assestarsi a livelli più bassi con la fine dell’allenamento.

Valori riportati in letteratura e suggeriti per i Greyhound e i Galgo sono i seguenti:

Greyhound

RBC (N°di globuli rossi): 7,4-9 (milioni/uL)
HGB (emoglobina): 19-21,5 g/dL
HCT (ematocrito): 55-65 %
WBC (globuli bianchi): 3,5-6,5 (migliaia/uL)
PLT (piastrine): 80-200 (migliaia/uL)

Galgo

RBC (N° di globuli rossi): 7,4-8,2 (milioni/uL)
HGB (emoglobina): 17,6-19,2 g/dL
HCT (ematocrito): 50-55 %
WBC (globuli bianchi): 7,4-9,3 (migliaia/uL)
PLT (piastrine): 170-231 (migliaia/uL)

I valori di riferimento per la specie canina non vengono riportati in quanto soggetti a variazione a seconda del laboratorio o fonte bibliografica utilizzati.

Biochimico

Le PROTEINE TOTALI nei Greyhound tendono ad andare verso la parte più bassa del livello normale. Un valore tra 5,0 e 6,0 g/dl è NORMALE nei Greyhound. La frazione delle proteine totali composta dalle ALBUMINE è uguale a quella degli altri cani, quella composta dalle GLOBULINE è più bassa rispetto a quella delle altre razze.

La CREATININA è nell’80% dei casi più elevata rispetto ai range utilizzati nella specie canina, per valutare la funzionalità renale occorre sempre incrociare questo dato con quello dell’AZOTEMIA e con l’analisi delle URINE.

Esami Ormonali

La differenza più frequentemente riportata riguarda il livello dell’ormone tiroideo (T4): secondo uno studio dell’Università della Florida eseguito su 221 greyhound è verosimile considerare normale un valore all’incirca la metà di quello di riferimento per le altre razze. Va sempre considerato, in caso di sospetto IPOTIROIDISMO, la metodica di valutazione del T4 in uso nel laboratorio utilizzato e il valore del TSH (Thyroid Stimulating Hormone) così come altre possibili cause che possano portare ad una effettiva diminuzione degli ormoni tiroidei senza che vi sia una malattia tiroidea primaria in atto.

Salute

Cosa fare quando una vipera morde un cane

Pulci e zecche nei Levrieri

Colpo di calore – Ipertermia in un Levriero

Dilatazione – torsione gastrica nei Levrieri

Shock anafilattico nei Levrieri

Patologie ortopediche del Levriero

Parassiti intestinali nei Levrieri

Otite esterna nei Levrieri

Cosa fare per proteggere il Levriero dalla Leishmaniosi

L‘importanza dell’igiene orale in un Levriero

Giardia nel Levriero

Forasacchi nel Levriero

Filariosi nel Levriero

Dermatologia nel Levriero

Cura del pelo e muta nei Levrieri

Corn nei cani di razza Greyhound

Cosa fare in caso di avvelenamento di un Levriero

Valutazione dei valori ematici nei Levrieri

Farmaci sedativi o anestetici per i Levrieri

Agopuntura utilizzata anche in veterinaria

Alimentazione

Alimenti da non dare mai ai nostri Levrieri

Integratori naturali per il benessere del Levriero

Come alimentare il Levriero in modo sano e corretto

Socializzazione

Schemi comunicativi nel Levriero

Levrieri e bambini

Lavorare sulla calma con un Levriero

Inserimento di un Levriero in famiglia

Inserimento di un Levriero in una casa con presenza di gatti

Eliminazioni inappropriate nei Levrieri

Approccio con un Levriero timoroso

Approccio generico al Levriero estraneo

Approccio con un Levriero eccitato

Approccio corretto al Levriero

Ansia da separazione per chi adotta un Levriero

SOS Levrieri Onlus precisa che i contenuti inerenti la salute del Levriero presenti nel sito Internet, sono da intendersi semplicemente come consigli o suggerimenti dettati dall’esperienza e considerarli quindi come tali. Le indicazioni riportate pertanto non vogliono e non devono in nessun modo sostituirsi a diagnosi, terapie mediche o farmacologiche che rimangono di esclusiva pertinenza del medico veterinario. Solo quest’ultimo, quindi, rimane l’unico soggetto competente deputato a formulare diagnosi, prescrivere farmaci e indicare terapie. Per questi motivi SOS Levrieri Onlus non si ritiene responsabile per qualsiasi comportamento o pratica derivante o connessa a detti consigli e che in qualsiasi caso, come sottolineato, è necessario consultare il medico veterinario.