Ansia da separazione per chi adotta un Levriero

Problematiche legate all’ansia da separazione del nostro Levriero

Uno dei problemi maggiormente lamentati da chi adotta un Levriero, cucciolo o adulto che sia, è l’impossibilità di lasciarlo da solo. Tale incapacità del cane si può manifestare con una sintomatologia molto varia che và da uggiolii, ululati fino a latrati, gravi distruzioni in casa, eliminazioni inappropriate di feci e/o urine, autotraumatismi.

Tali problematiche vengono spesso incasellate, anche in modo superficiale, nell’ansia da separazione, ma la pratica quotidiana ci insegna che pochi sono i soggetti veramente ascrivibili a questa patologia. Molti sono Levriero sani che hanno difficoltà nello stare da soli perché non hanno o non hanno ancora acquisito questa competenza.

La cosa più opportuna da fare sarà quella di rivolgersi ad uno specialista che sappia dirci se il nostro Levriero sia affetto o meno da una patologia comportamentale ed in entrambi i casi ci dia gli strumenti per affrontare un problema che comunque è presente. Spesso si è portati a sottovalutare la questione pensando che si risolverà con il tempo, magari mettendo in pratica consigli di amici o parenti che non hanno alcun riscontro scientifico.

Il rischio in questi casi è di aggravare le difficoltà del nostro Levriero rendendo più difficoltoso un ipotetico recupero successivo.

Cosa fare e non fare in attesa di una visita comportamentale?

  • Evitare di lasciare il Levriero da solo
    Se abbiamo un lavoro che ci permette di portarlo con noi proveremo a farlo, se questa soluzione non è attuabile chiederemo aiuto al resto della famiglia e ad amici, parenti, dog-sitter, in modo da evitare al minimo i momenti di solitudine.
  • Evitare qualsiasi tipo di punizione a posteriori
    Non ottengono il risultato sperato anzi hanno il potere di aggravare lo stato del nostro Levriero. Sarà indispensabile, a tal riguardo, uscire dalla concezione per cui il cane si comporta “male” per farci un dispetto per averlo lasciato solo. I comportamenti messi in atto sono frutto di un grave malessere nel quale il soggetto perde qualsiasi autocontrollo come se vivesse una crisi di panico e quindi non è responsabile degli atti che compie ma vittima lui stesso. Potremmo invece pensare di filmare il cane in nostra assenza, questo aiuterà noi, rivedendo i filmati, a comprendere il suo malessere e aiuterà il comportamentalista ad avere un quadro più completo dei sintomi.
  • Evitare di sostare fuori dalla porta di casa
    Loro sanno benissimo che siamo lì, hanno un olfatto che funziona benissimo e quindi non riusciremo ad imbrogliarli. In generale evitate di imbrogliare i vostri Levrieri, ci riuscirete forse la prima volta ma potreste minare la fiducia che ripongono in voi, e se veramente siete per loro la figura di riferimento potreste farlo precipitare in un importante aggravamento della sua condizione psicologica.

a cura della Dr.ssa Federica Manunta, medico veterinario comportamentalista, educatore e istruttore cinofilo SIUA.

Salute

Cosa fare quando una vipera morde un cane

Pulci e zecche nei Levrieri

Colpo di calore – Ipertermia in un Levriero

Dilatazione – torsione gastrica nei Levrieri

Shock anafilattico nei Levrieri

Patologie ortopediche del Levriero

Parassiti intestinali nei Levrieri

Otite esterna nei Levrieri

Cosa fare per proteggere il Levriero dalla Leishmaniosi

L‘importanza dell’igiene orale in un Levriero

Giardia nel Levriero

Forasacchi nel Levriero

Filariosi nel Levriero

Dermatologia nel Levriero

Cura del pelo e muta nei Levrieri

Corn nei cani di razza Greyhound

Cosa fare in caso di avvelenamento di un Levriero

Valutazione dei valori ematici nei Levrieri

Farmaci sedativi o anestetici per i Levrieri

Agopuntura utilizzata anche in veterinaria

Alimentazione

Alimenti da non dare mai ai nostri Levrieri

Integratori naturali per il benessere del Levriero

Come alimentare il Levriero in modo sano e corretto

Socializzazione

Schemi comunicativi nel Levriero

Levrieri e bambini

Lavorare sulla calma con un Levriero

Inserimento di un Levriero in famiglia

Inserimento di un Levriero in una casa con presenza di gatti

Eliminazioni inappropriate nei Levrieri

Approccio con un Levriero timoroso

Approccio generico al Levriero estraneo

Approccio con un Levriero eccitato

Approccio corretto al Levriero

Ansia da separazione per chi adotta un Levriero

SOS Levrieri Onlus precisa che i contenuti inerenti la salute del Levriero presenti nel sito Internet, sono da intendersi semplicemente come consigli o suggerimenti dettati dall’esperienza e considerarli quindi come tali. Le indicazioni riportate pertanto non vogliono e non devono in nessun modo sostituirsi a diagnosi, terapie mediche o farmacologiche che rimangono di esclusiva pertinenza del medico veterinario. Solo quest’ultimo, quindi, rimane l’unico soggetto competente deputato a formulare diagnosi, prescrivere farmaci e indicare terapie. Per questi motivi SOS Levrieri Onlus non si ritiene responsabile per qualsiasi comportamento o pratica derivante o connessa a detti consigli e che in qualsiasi caso, come sottolineato, è necessario consultare il medico veterinario.