Approccio corretto al Levriero

Il primo approccio delle persone al Levriero è generalmente scorretto da un punto di vista comunicativo (prossemica, postura, gestualità, cinetica, le coreografie = comportamenti complessi, la mimica facciale e il linguaggio paraverbale).

Purtroppo la cultura umana è intrisa di antropocentrismo e ritiene che il linguaggio umano sia il migliore e universale. L’uomo pensa erroneamente che i segnali comunicativi utilizzati dalla sua specie abbiano lo stesso significato anche per altre, come per il cane. L’abbraccio è uno degli esempi più eclatanti: per l’essere umano è un segno di affetto, mentre per il cane è un segno di sfida. Quando abbracciamo un cane, la nostra intenzione è mostrargli affetto e benevolenza, ma per lui questo gesto ha un altro significato, più di tipo competitivo (“sono più forte di te”) o conflittuale (“sto sopra di te”) con il risultato che se lo facciamo ad un cane sconosciuto rischiamo di prendere un ringhio o un morso. Anche con il nostro cane, se lo abbracciamo in maniera irruenta o brusca e per lungo tempo, lo sottoponiamo ad uno stress, infastidendolo e inibendolo.

Più genericamente la focalizzazione dello sguardo (es. guardare negli occhi il cane oppure fissarlo a lungo) e delle attenzioni al primo approccio è per l’essere umano un segno di interessamento e di accoglienza, mentre per il cane è un comportamento che può mettere profondamente in difficoltà. Pur conoscendo la correttezza delle modali-tà di comunicazione con il cane, non dobbiamo illuderci di saper interagire con lui; il significato di alcuni segni comunicativi va misurato sul soggetto specifico. Quando andiamo ad approcciare per la prima volta un cane, dovremo tenere conto del suo profilo socio-relazionale, se conosciuto, così come del suo stato posizionale nel “qui ed ora” (cosa desidera fare e a cosa è interessato, che emozioni prova, quale è il suo livello di attivazione e di eccitabilità, il suo livello di fiducia e apertura al mondo). E’ dunque fondamentale porre attenzione a come ci si avvicina e si approccia un cane estraneo, ovvero che si incontra per la prima volta. Vi sono alcune regole da rispettare.

Ovviamente sono banditi comportamenti come abbracciare, mettere la mano sulla testa, correre frontalmente al cane, guardarlo diritto negli occhi, allungare subito le mani o protenderle verso il cane, dare colpi sul torace, afferrare per la coda.

Considereremo negli articoli successivi tre casi

  1. Approccio Levriero estraneo
  2. Approccio Levriero timoroso
  3. Approccio Levriero eccitato

Fonte: Il Galateo per il Cane. Roberto Marchesini, De Vecchi

Salute

Cosa fare quando una vipera morde un cane

Pulci e zecche nei Levrieri

Colpo di calore – Ipertermia in un Levriero

Dilatazione – torsione gastrica nei Levrieri

Shock anafilattico nei Levrieri

Patologie ortopediche del Levriero

Parassiti intestinali nei Levrieri

Otite esterna nei Levrieri

Cosa fare per proteggere il Levriero dalla Leishmaniosi

L‘importanza dell’igiene orale in un Levriero

Giardia nel Levriero

Forasacchi nel Levriero

Filariosi nel Levriero

Dermatologia nel Levriero

Cura del pelo e muta nei Levrieri

Corn nei cani di razza Greyhound

Cosa fare in caso di avvelenamento di un Levriero

Valutazione dei valori ematici nei Levrieri

Farmaci sedativi o anestetici per i Levrieri

Agopuntura utilizzata anche in veterinaria

Alimentazione

Alimenti da non dare mai ai nostri Levrieri

Integratori naturali per il benessere del Levriero

Come alimentare il Levriero in modo sano e corretto

Socializzazione

Schemi comunicativi nel Levriero

Levrieri e bambini

Lavorare sulla calma con un Levriero

Inserimento di un Levriero in famiglia

Inserimento di un Levriero in una casa con presenza di gatti

Eliminazioni inappropriate nei Levrieri

Approccio con un Levriero timoroso

Approccio generico al Levriero estraneo

Approccio con un Levriero eccitato

Approccio corretto al Levriero

Ansia da separazione per chi adotta un Levriero

SOS Levrieri Onlus precisa che i contenuti inerenti la salute del Levriero presenti nel sito Internet, sono da intendersi semplicemente come consigli o suggerimenti dettati dall’esperienza e considerarli quindi come tali. Le indicazioni riportate pertanto non vogliono e non devono in nessun modo sostituirsi a diagnosi, terapie mediche o farmacologiche che rimangono di esclusiva pertinenza del medico veterinario. Solo quest’ultimo, quindi, rimane l’unico soggetto competente deputato a formulare diagnosi, prescrivere farmaci e indicare terapie. Per questi motivi SOS Levrieri Onlus non si ritiene responsabile per qualsiasi comportamento o pratica derivante o connessa a detti consigli e che in qualsiasi caso, come sottolineato, è necessario consultare il medico veterinario.