Approccio con un Levriero timoroso

Greyhound

Quando ci avviciniamo ad un Levriero timoroso occorre applicare i seguenti accorgimenti:

  1. Facciamo attenzione al nostro abbigliamento (oggetti o capi che possano preoccupare il cane, come per esempio occhiali o cappello)
  2. Aumentiamo le distanze se il cane non gradisce la nostra vicinanza. Rispettare la sua distanza di sicurezza anche decidendo di non avvicinarsi
  3. Facciamo movimenti lenti ad un ritmo costante
  4. Rispettiamo la distanza di sicurezza del cane, anche decidendo di non avvicinarsi; non guardiamo il cane, fermiamoci, accucciamoci e rimaniamo con una prossemica di 3⁄4
  5. Prestiamo la massima attenzione alla comunicazione del cane
  6. Riduciamo al minimo i movimenti, soprattutto dal punto di vista del gestuale e del posturale
  7. Emettiamo segnali calmanti, come sbadigliare, voltare la testa, strizzare gli occhi
  8. Controlliamo la respirazione
  9. Rispettiamo i tempi del cane: aspettiamo che sia il cane ad avvicinarsi

Salute

Pulci e zecche nei Levrieri

Otite esterna nei Levrieri

Giardia nel Levriero

Forasacchi nel Levriero

Filariosi nel Levriero

Dermatologia nel Levriero

Alimentazione

Realizzare biscotti fatti in casa per i nostri amati Levrieri

Socializzazione

I giochi più adatti per i Levrieri – Scopriamolo insieme

Cane e gatto per me pari sono… l’amor vuol libertà

Lavorare sulla calma con un Levriero

Levrieri e bambini

Approccio con Levriero timoroso

SOS Levrieri Onlus precisa che i contenuti inerenti la salute del Levriero presenti nel sito Internet, sono da intendersi semplicemente come consigli o suggerimenti dettati dall’esperienza e considerarli quindi come tali. Le indicazioni riportate pertanto non vogliono e non devono in nessun modo sostituirsi a diagnosi, terapie mediche o farmacologiche che rimangono di esclusiva pertinenza del medico veterinario. Solo quest’ultimo, quindi, rimane l’unico soggetto competente deputato a formulare diagnosi, prescrivere farmaci e indicare terapie. Per questi motivi SOS Levrieri Onlus non si ritiene responsabile per qualsiasi comportamento o pratica derivante o connessa a detti consigli e che in qualsiasi caso, come sottolineato, è necessario consultare il medico veterinario.